Ancora sul declino dell’Italia

  Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei – recita un proverbio tanto famoso quanto veridico. Nel caso degli italiani potrebbe anche venir declinato diversamente: dimmi per chi voti e ti dirò dove vai…Ma l'Italia, paese superstizioso e dedito a pratiche occulte, coltiva e custodisce in seno il mistero della risposta. Non si sa mai chi ha votato … Continua a leggere

Sul declino dell’Italia

  E' molto probabile che il nostro Paese abbia imboccato una china irreversibile e una strada senza ritorno. Le minacce esterne – terrorismo, concorrenza di sistemi economici para-schiavistici, guerre ai confini del continente europeo, prezzi astronomici del petrolio, potenza e debolezza del dollaro… – sembrano talvolta inezie se commisurate alle minacce interne: ignoranza, subdola astuzia, pressappochismo, analfabetismo del popolo. Totale … Continua a leggere

Miti e forme della tecnologia

  A nessuno può sfuggire il fatto più eclatante dell'abbigliamento all'ultima moda: dalle cintole, dalle chiappe e dai petti di uomini, donne e bambini pendono strane fodere. Inturgidite dall'esibizionismo, non ospitano una Colt, ma un telefono portatile. Ridicolo? Significativo. In quelle fodere si sfoggia con impudente sfrontatezza la nuova frontiera di un'anemica fallocrazia. E' come se indossassimo le mutande sopra … Continua a leggere

Sui limiti della schizofrenia

 Da quando Mc Luhan intitolò un suo celebre libro La sposa meccanica, le automobili hanno dimostrato di poter unilateralmente divorziare dai loro coniugi meccanici. Fra non molto vedremo automobili che – come gli aerei del futuro – viaggeranno da sole: senza più pilota. Portando alle estreme ma naturalissime conseguenze il malcelato paradosso che ne caratterizza l'esistenza sociale: essere solennemente destinate … Continua a leggere

Il mito del Centro e la cosiddetta cultura di impresa

  Parafrasando Marx, si potrebbe dire che uno Spettro si aggira per l'Europa: il Centro Moderato, longa manus del Capitale in perenne via di ‘ristrutturazione'. I moderati stessi – di destra o di sinistra che siano – definiscono la cornice ideologica nella quale germina il mito del Centro: Cultura di Impresa. Addirittura Eugenio Scalfari (che non è mai stato visto … Continua a leggere

L’internazionalismo del capitale e le sue macabre alleanze

  A nessuno sfugge il dramma del declino industriale italiano e del ruolo che in questa vicenda viene svolgendo la Cina semi-capitalista del terzo millennio. Nessuno però, fra quanti hanno letto Marx e creduto almeno in parte alle sue ‘profezie', avrebbe osato prevedere un'evoluzione delle cose quale si sta verificando ai giorni nostri. Venti, trent'anni fa i cinesi e i … Continua a leggere

L’utopia dell’Europa unita II

  Il recente e chiassoso exploit del padano (e pagano, come giustamente l'ha definito Scalari) Borghezio: non merita forse alcune meste considerazioni? Innanzitutto, un conteggio: chi vuole l'Europa, chi no? Ma soprattutto, chi è consapevole di dover pagare un prezzo perciò? Chi e disposto a pagarlo? Via via che le domande si avvicinano al cuore della questione, gli interlocutori si … Continua a leggere

L’utopia dell’Europa unita I

  Sin dai tempi del poeta Novalis (La Cristianità ovvero l'Europa) si discute con romantico accanimento della comune famiglia europea, nata dalla singolare fusione del ceppo cristiano-latino con quello pagano-barbarico. Via via che il capitalismo di sviluppava e si faceva sempre più internazionale, le prospettive di una ‘casa comune' degli europei risentivano dell'alternativa fra capitalismo e socialismo, ovvero fra diritti … Continua a leggere

La Chiesa e lo ‘stato’ italiano

  Nel caso italiano abbiamo scelto di virgolettare e ‘minimizzare' nome e concetto dello Stato. L'elezione del nuovo pontefice ce ne offre lo spunto. Il prossimo referendum sulla procreazione assistita vede i vertici ecclesiastici come sempre schierati contro la scienza e la libertà di scelta della donna e delle coppie cui Dio non ha fatto la grazia della fecondità. Nulla … Continua a leggere

La vocazione tolemaica della politica italiana II

  In Italia il Centro è tutto. Roma caput mundi? Non più nei fatti, ma i simboli sono duri a morire. Roma è il centro dell'Italia e il Vaticano è il centro di Roma. E – incredibile dictu – un piccolissimo ‘leader' ex paladino delle minoranze omosessuali e del radicalismo ultra-laico – alludiamo al sig. Rutelli Francesco – si candida … Continua a leggere